Eventi

ENNIO MORRICONE e SALVINA MAESANO Auditorium Parco della Musica di Roma


COMUNICATO STAMPA → Se questo è un uomo di Primo Levi Musiche di Ennio Morricone, Orchestra Roma Sinfonietta, Salvina Maesano soprano, Mariano Rigillo voce recitante, Marco Serino Violino solista e Orchestra d’Archi.

…  Considerate se questo è un uomo che lavora nel fango che non conosce pace che lotta per mezzo pane … I versi della poesia che apre il romanzo di Primo Levi sono diventati canto, musica … Non parole, ma vocalizzi, frammenti, sempre nel registro grave … Volevo che la voce arrivasse a far sentire la difficoltà di dire queste parole, quasi l’impossibilità di pronunciarle. Spingo il soprano giù, al limite della sua estensione vocale, voglio che si percepisca la fatica, la sofferenza. E poi l’Orchestra d’Archi e un Violino solista, Marco Serino. La poesia di Primo Levi finisce quasi con una maledizione, con la minaccia di un laico anatema verso chi provasse la tentazione di dimenticare … Meditate che questo è stato, scrive infatti Levi.

… Ho provato a vincere il pudore, il timore di rovinare la loro perfezione, racchiusa nell’angoscia che comunicano. Volevo soltanto servirli, per non dimenticare. Lui continua a chiederci questo … Meno male, Levi ha trovato la forza di parlare, di scrivere. Per noi … conclude Ennio Morricone.

 


 

Primo Levi, sopravvissuto ad Auschwitz, pubblicò Se questo è un uomo nel 1947. Questo capolavoro letterario, forte e tragica testimonianza della sua esperienza nel Lager, è stato il suo primo libro.

Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un si o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi, alzandovi.
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi

 


 

 


 

SALVINA MAESANO curriculum breve

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *