Eventi

BIENNALE Accademie di Belle Arti italiane Seconda Edizione Reggia di Caserta


COMUNICATO STAMPA  Seconda Edizione Biennale Accademie di Belle Arti alla Reggia di Caserta, a cura di Francesco Ruggiero. Nell’intento di voler contribuire a una profonda valorizzazione della ricerca connessa ai fermenti artistici nelle Accademie di Belle Arti d’Italia, nell’ambito delle grandi manifestazioni dedicate all’Arte Contemporanea, si inaugura presso le Sale espositive della Reggia di Caserta la Seconda Edizione della Mostra dal titolo La Terra ha bisogno degli Uomini realizzata con gli Artisti delle Accademie di Belle Arti d’Italia. Questo è il messaggio che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato agli Organizzatori, ai Docenti, agli Allievi ed ex Allievi delle Accademie di Belle Arti italiane impegnati nel progetto. Centocinquanta sono gli Artisti che partecipano.

A Francesco Ruggiero … in occasione della esposizione La Terra ha bisogno degli Uomini esprimo apprezzamento per l’iniziativa, che testimonia, attraverso un originale percorso espositivo, la vitalità del mondo culturale ed artistico, capace di coniugare la forza della tradizione con innovative forme espressive. In tale prospettiva, l’apporto offerto alla mostra campana dalle Accademie italiane sottolinea i compiti di Alta Formazione cui esse sono chiamate e il ruolo prezioso di raccordo fra il Mondo Accademico e la Società Civile. Per questa seconda edizione, unitamente all’augurio sentito per il successo dell’iniziativa il Presidente della Repubblica ha destinato una Medaglia quale suo Premio di rappresentanza.

… Siate anche voi, attraverso la vostra Arte, annunciatori e testimoni di speranza per l’Umanità. Costruttori di luoghi di bellezza. Con queste parole definite un amichevole ed appassionato appello Benedetto XVI ha concluso nella Cappella Sistina l’incontro con il mondo dell’Arte. Appello che noi raccogliamo con questa manifestazione culturale. L’evento espositivo è nato nell’ottica di un processo che vuole contribuire a portare le Istituzioni Accademiche, storicamente e per tradizione centri di comunicazione culturale per il mondo, verso una piena espressione e valorizzazione di tutte le potenzialità artistiche in esse presenti. Il sistema dell’Arte è oggi il punto privilegiato per la ricerca artistica, anche in virtù del fatto che le Accademie non hanno potuto, finora, attivare la figura del ricercatore, lasciando questo terreno alla libera interpretazione. Tutti gli Artisti sono in realtà dei ricercatori, ma in senso stretto questo non significa che sono nelle condizioni di fare, Ricerca. E la Ricerca necessita di fondi, oltre che di premesse; di obiettivi, oltre che di speranze. Oggi le condizioni stanno cambiando. Seppur con la fatica della lentezza normativa, le Accademie di Belle Arti si avviano a sostenere un ruolo importante nel sistema dell’Arte. Merito anche e soprattutto alla sensibilità attenta verso queste manifestazioni espositive e agli Artisti che comunque continuano a scegliere l’Accademia come percorso di studi. Proporre e organizzare questa Mostra collettiva delle Accademie è sembrato essere il modo migliore per manifestare insieme l’impegno, il sostegno e l’interesse verso il lavoro degli Artisti e l’apprezzamento delle loro opere, contestualmente alla valorizzazione della nostra prestigiosa tradizione accademica che rende unico e prezioso il nostro Paese. Il Mondo dell’Arte, che da sempre anticipa il risveglio della coscienza civile, attraverso questa iniziativa si fa promotore di un appuntamento culturale rivolto primariamente alle nuove generazioni che viene presentato e realizzato anche da Artisti esordienti delle Accademie di Belle Arti d’Italia, che hanno alle spalle scuola, passione, esercizio, sperimentazione. Aiutare i giovani a conquistare meritatamente terreno nella vita è tra i servizi più alti che si possano rendere a una comunità articolata, la cui ricchezza è garantita solo se c’è un costante ricambio generazionale e un costante apporto delle sue forze più fresche e nuove. Qui non si tratta di promuovere i giovani alle banalità della ribalta spesso fatua dell’universo mass-mediale, ma di sostenerli sul terreno per lo più aspro e faticoso dello studio, della creatività, dell’ingegno e dell’espressione artistica. Di seguito gli Artisti, Maestri, Allievi e ex Allievi, che espongono le loro Opere e a cui va un profondo e forte ringraziamento, delle Accademie di Belle Arti d’Italia:

Ascalone Francesca, Ausili Miguel, Aversano Raquel, Babini Paola, Baldassarra Luca, Baldini Simonetta, Balistrieri Marcello, Balocchi Piergiorgio, Basile Edoardo, Batoni Sandra, Bernardini Sandro, Bini Sandro, Branchesi Silvia, Caimmi Giovanna, Campolo Sergio, Candini Manuela, Canesi Filippo, Carleo Anna, Cardillo Jacopo, Castellano Daniele, Ceciliato Barbara, Cerritello Angela, Cesari Stefano, Ciammetti Ester, Ciarloni Giuliano, Coluccio Caterina, Contini Franco, Corrias Stefania, Cremoni Francesco, Cutrino Emanuele, De Bartolo Francesca, De Filippi Giampaolo, Dell’Andrea Elena, De Zotti Angela, Di Marino Eleonora, Di Tommaso Antonio, D’orazio Giuseppe, Farina Maria Claudia, Farris Alessio, Felle Giovanni, Fernandes Amedeo, Ferrara Roberto Nunzio, Ferro Hermes William, Fezzi Giovanna, Filin Gheorghi, Fioramonti Giada, Fonsa Laura, Fontana Fabrizio, Fontana Jessica, Forconi Alessia, Frisullo Federico, Fusaro Claudio, Galofaro Andrea, Galuppo Maria Grazia, Gambula Veronica, Gigli Veronica, Giurato Alfio, Gong Chen, Gong Yoon Jung, Grispigni Laura, Inchioda Valerio, Inglese Sergio, Iorizzo Michelino, Khoury Wissam, Knish Yulia, Komagata Ikuko, Kurakina Anastasia, Laccu Stefania, Landrichter Julia, Lee Hyun Sook, Leganza Ilaria, Libro Giovanni, Lisi Giuseppe, Longo Giovanni, Lo Russo Gerardo, Mafrici Olga, Malice Filippo, Manunta Loredana, Marcoccia Valentina, Mariano Marco, Marquez Luis Fernando, Martinez Ruben, Martini Tania, Marzi Giorgia, Maseda, Merolli Fulvio, Micaglio Giancarlo, Micalizzi Catia, Milakovic Kristina, Mirabile Marco, Morante Alessandra, Moretti Emiliano, Morittu Mauro, Murtas Emanuela, Nagy Maya, Oi Riccardo, Palladino Vito, Pallotta Renato, Palma Adinda Putri, Parisi Filomena, Partinico Federica, Peshko Olga, Piergallini Rossella, Piro Valentina, Pizzuti Silvia, Politano Franco, Proserpio Valeria, Ptochopaulou Elena, Pulitano Gianfranco, Qiao Jia, Quercioli Andrea, Raho Antonio, Ravenna Jacopo, Riva Noemi, Rizzo Giacomo, Roggio Antonello, Romhein Boutros, Roviello Tommaso, Ruggiero Francesco, Russo Salvo, Salafia Fabio, Sangiovanni Giuliana, Santoro Enza, Scala Giuseppe, Scalco Thomas, Scalfati Maria Raffaela, Scardino Angelo, Schepis Nuccio, Sciaudone Rocco, Sorci Salvo, Spanò Luigi, Tondo Rita, Triolo Antonio, Trippa Angela, Tropea Riccardo, Turriziani Susi, Usai Enrico, Ventimiglia Vincenzo, Vitaliti Giuliana, Zambò Dora, Zanelli Elisabetta, Zoda Giovanni

 


 

CONFERENZA STAMPA

Aperta al pubblico allestita nelle Sale espositive di Palazzo Reale, la Seconda Edizione delle Accademie di Belle Arti d’Italia titolata La Terra ha bisogno degli Uomini, curata da Francesco Ruggiero. La Mostra è stata inaugurata venerdì 26 novembre, presso le storiche Sale di Palazzo Reale a Caserta alla quale partecipano gli Artisti delle Accademie di Belle Arti d’Italia con il patrocinio delle massime Istituzioni italiane. Una prestigiosa rassegna collettiva di arti visive come tradizionale appuntamento tra le grandi manifestazioni nazionali ed internazionali dedicate all’arte contemporanea. La mostra, che rimarrà aperta al pubblico fino al prossimo 26 dicembre, unisce attorno al tema dell’arte e dell’ambiente, oltre centocinquanta artisti, tra maestri, giovani allievi ed ex allievi provenienti dai percorsi di studio e ricerca accademica. Un evento unico che esalta le creatività artistiche ed il prestigio accademico italiano, andando a coinvolgere le Accademie di Belle Arti italiane. Oltre dieci le sale di Palazzo Reale dedicate alla mostra, complessivamente centocinquanta opere che interpretano il tema del rapporto tra società, arte ed ambiente, attraverso diverse forme artistiche, la pittura, la scultura, il disegno, l’incisione, l’installazione, la video art. … Le Accademie di Belle Arti si avviano a sostenere un ruolo importante nel sistema dell’arte … afferma Francesco Ruggiero, ideatore e curatore della mostra, in Conferenza Stampa … sono il punto privilegiato per la ricerca artistica. Proporre questa mostra è sembrato il modo migliore per manifestare insieme l’impegno, il sostegno e l’interesse verso il lavoro degli artisti e l’apprezzamento delle loro opere, contestualmente alla valorizzazione della nostra prestigiosa tradizione accademica. Occasione di visibilità per gli artisti, ma anche un tavolo di discussione sul tema della tutela sindacale del lavoro dell’artista. … È necessario che le Accademie di Belle Arti siano dignitosamente supportate istituzionalmente sia con progetti adeguati sia con le necessarie e dovute risorse economiche, da sempre precarie, al fine di rafforzare la valenza e l’importanza dell’alto ruolo formativo che esse hanno ... Dichiarano congiuntamente i Direttori delle Accademie di Lecce, Frosinone e Roma. Occorre che sia tutelata e rafforzata la figura professionale dell’Artista e del suo ruolo sociale oltre che lavorativo … ha dichiarato Paolo Tesi, del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro … serve un costante investimento nella Cultura, in termini economici, progettuali e di promozione. L’Italia … ha concluso il Consigliere del Cnel … si rilancia investendo nell’Arte, nella Cultura e puntando sulla qualità dei propri giovani. A tutela degli Artisti e dello stesso patrimonio Culturale italiano, il Sindacato Cultura Felsa Cisl lancia l’ambizioso progetto di incoraggiare la crescita del mondo dell’Arte e dell’Imprenditoria Culturale. L’opera d’arte … afferma Alessio Tritto, Segretario Generale del Sindacato Cultura Felsa Cisl … è uno dei momenti cruciali del Percorso Culturale, quello di maggiore esaltazione del genio e della creatività. Percorso che deve essere molto più condiviso con gli altri attori della Società Civile, della quale fanno parte oltre che gli Artisti anche le Istituzioni, Parti Sociali e Imprenditoria. Cultura è Conoscenza delle Genti, della Società Civile, della quale noi tutti facciamo parte ed in cui viviamo, caratterizzandone il contesto sociale con la propria attività lavorativa e culturale. Le Industrie Culturali come catalizzatori della Società Civile.

 


 

OPERE ESPOSTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *